La pragmatica

5x puncte

categorie: Diverse

nota: 9.89

nivel: Liceu

Sinteticamente, con Austin, si puo dire che la "locuzione" e l'atto del dire qualcosa, "l'illocuzione" e l'atto compiuto nel dire qualcosa (pregare, chiedere) e la "perlocuzione" e l'atto col dire qualcosa.
Il primo e chiamato atto locutivo, e include in se le caratteristiche piu tradizionalmente riconosciute agli enunciati: fonetiche, grammaticali e semantiche. Insomma, eseguire un atto lo[...]
DOWNLOAD REFERAT

Preview referat: La pragmatica

Sinteticamente, con Austin, si puo dire che la "locuzione" e l'atto del dire qualcosa, "l'illocuzione" e l'atto compiuto nel dire qualcosa (pregare, chiedere) e la "perlocuzione" e l'atto col dire qualcosa.
Il primo e chiamato atto locutivo, e include in se le caratteristiche piu tradizionalmente riconosciute agli enunciati: fonetiche, grammaticali e semantiche. Insomma, eseguire un atto locutivo vuole dire proferire un enunciato nel senso astratto analizzato dalla linguistica, quindi prescindendo dal suo particolare uso in un'interazione comunicativa, ma includendo il suo contenuto semantico (il senso fregeano).

ATTO LOCUTORIO cioe l'azione mediante la quale si combinano opportunamente
Ad un secondo livello si colloca l'atto illocutivo. Con l'espressione "illocutivo" Austin intende l'atto che si compie nel dire qualcosa, e le azioni che ha in mente sono appunto quelle mosse sociali-comunicative di cui i performativi costituiscono il paradigma. L'atto illocutivo cattura dunque cio che Frege chiama la forza: il fatto che con un certo enunciato posso effettuare un comando, una affermazione, un'ipotesi, una scommessa, ecc.

ATTO ILLOCUTORIO e un atto effettuato col dire qualcosa; oltre a informare, constatando una certa realta (ad esempio, il fatto che una finestra sia effettivamente aperta), puo contenere una richiesta, una preghiera, un'esclamazione)"le chiedo se..."
L'atto ILLOCUTIVO ha una forza legata alla reale intenzione di chi lo compie il modo in cui le parole vengono usate per fare affermazioni, dare valutazioni, dare ordini, fare richieste, fare promesse, ringraziare, scusarsi...
Es.:"Vattene!"

Infine Austin considera per completezza l'atto che chiama perlocutivo, ossia l'effetto che il parlante produce di fatto sull'ascoltatore, e che non necessariamente e cio a cui tendono l'intenzione del parlante e il particolare atto illocutivo eseguito. Se, ad esempio, sentire una certa domanda in una certa situazione produce su di me l'effetto di indispettirmi (piuttosto che quello ordinario di dare una appropriata risposta), si trattera di un effetto perlocutivo non prevedibile dell'atto illocutivo che consiste nel farmi quella domanda. Es: Es. lusingare e tranquillizzare.
DOWNLOAD REFERAT
« mai multe referate din Diverse

CAUTA REFERAT


TRIMITE REFERAT CERE REFERAT
Referatele si lucrarile oferite de E-referate.ro au scop educativ si orientativ pentru cercetare academica.